Cultura

Du’ scorregion et el filiol de Deo

Che Angelo Beolco, detto il Ruzzante, sia uno dei grandissimi del teatro mondiale, è ormai riconosciuto quasi universalmente. Porlo al livello di Shakespeare o di Molière non è un’esagerazione, anzi…. E non sono certo il primo a sostenerlo.
Questo è il mio omaggio a Ruzzante…sperando che quanto ho scritto piaccia un poco anche alla sua Gnua, che riconoscendolo finalmente come un importante, gran toso, glie dia pure uno sbaceto.
Non riuscendo a scrivere nel dialetto padovano del suo autore, mi sono lasciato andare ad un grammelot di Betlemme di sopra, dove questo breve “Parlamento” è ambientato.

In scena il bue, l’asino et el figliol de Deo.

Bue: Col fiao! Col fiao… No col cul…ostrecassa…Col fiao!

Asino: Col fiao…col fiao…. Te par che sdolco el fiol de Deo col cul…. te par….

Bue: C’è uno spuzzasso….mira l’agnolon a l’entria come sventola’… sta’ a scompiscia’ el pennacchion de’ maghi. Ora ce priemo la ria…. Po’ San Miché scenne da le tegole e ce sgragnola de legnae. Quello nun ruzza tanto….l’è serioso.. tu lo sape…

Asino: Sì pèro…io non m’intende…. C’è il focular, c’è i reghe maghi in visitazione, c’è le fascine… potean accender un attimin el foo…che anche no du starem plus al caldin…

Bue: Ah securo… per infumera’ tutto el ciel. Così tutti gli agnolei che svolazon sopra se intossicheria e cadreno giù come rondon. Spluf…Bel presè sì con tutti gli agnolei in tera ed i pastor che il pesticchian toti. Bel presè saria…. Sbufa….sbufa! Non lo vè che el putin à frio….

Asino: Sbufo…sbufo…non lo vedi ò fato un nebbion….

Bue: Mica te spuzza’ il fià?

Asino: Non beo…. Non manzo nia…Campo de legnate del pardon e quelle non spuzzan miga. Ma pensao….

Bue: tu pensai (ride) o da quanno?

Asino: da mò…. ò scoprio che senza piia’ legnae tutte el die se potria anco pensa’… e te diria… me sdiletta pure pensa’…

Bue: L’asino pensator… se non ce fosse el filiol de deo qui a cote…te diria: ‘sti cazzi! E a che pense…

Asino: ….mah…. pense…..pense….

Si sente uno strano rumore….

Bue: Ai scorreggia’…

Asino. No pense….che scorreggia’!? Forse m’è sortia….l’è fatica pensar che cree…. Provace…. E poi che tu ne sape…. Sei dottor o bue…. Magari c’è un canal fra el cervelo et el cule. Ecco vedi: ò fao un pensier!

Bue: il canal fra il cervelo et el cul…. Canal granne el tuo….pèro….bel pensèro….giusto giusto pel Natal…

Asino: belo o bruto… est un penser…. E poi penso anco che nu semo importanti… e che tuto el monno se recorderia de nu…. Anco esto pensia.

Bue ride: Nu du? Importante? Semo n’asino e n’unbue! El filiol de deo el è importante, mica nu. Lu porta la lux….la salvea…

Asino: Ma nu lo scaldamo… e poi chi potrian appelar, se non volian accender el foco….uno slefante….una sgiraffa!? E dove lo trovon a Bletemme uno slefante la note de Natal…. e ‘na sgiraffa con quel collon longo che tene qui dove lo mette la sgiraffa el su capon…su per camin? Così scaldia non el filiol de deo ma i piè de san Miche in resta!
Et poi ‘era beo? Vedé el presé con uno slefante che occupà tuta la stala e schiaccia el filio del Deo in un angulino e una sgiraffa che scappoa col ca’ su fora del camin? Che presé saria….faria rider…. Invece in esto modo… io de qua….tu de là…è tutto precio….fatto ben…mesurato….sembra…..sembra….sembra un presé appunto!

Il bue scoppia in una risata: Beh s’è proprio brao a pensa’…. Mira mira….el filiol de Deo te sguarda…. Sembra che t’ascolte…..el filiol de Deo che ascolta un asinel… l’è proprio la sera dei miraculi esta de Natal! Però anco io ò uto un pensère: che al posto de ti’ potean metter un cabao….che scorreggia de meno… e surtut staria plus zito.

Asino: Un cabao? L’animal de solda’? No el filiol de Deo non se faria mai sdolcà par l’animal de soldà…. Tu el non cognosci….

Bue. E’ nao stasera!? Come facio a cognoscer?!

Asino: Bon ma tu el nol cognosci ugual! El filiol de Deo est la speranza de disgraziai come nu….degli sladron….dei poverassi….de le pute…. De sordi e ciei che vivon de slemosina…De queli che prendon le legnà e tengon l’oci en terra, mica de quei che le dano e posson mirar el cielo tuti sgorgogliosi…. Quelli nun han besogno del filiol de Deo…. Nu sì…

Bue: Ma che vien a dirme…. El figliol de Deo vien pe l’homine. Tutti l’homine, anche i regi…. Nun vedi quei regi che gl’han porta’ l’or…..se non venia anco per isti, non lo avrian porta’…

L’Asino si avvicina minacciosamente alla mangiatoia: Comme sol pel l’ommine!?

Bue: Ma che fe’….sta’ in là….non lo scagnazzare….

Asino: No no ascoltame filiol de Deo…. Io penso odie per la primera vota, ma la salvea sarià per tutti! Vero!? Anco per mi. Vero? Dimmi de sì….che te preme….dimme de sì…

Bue: Come fa a risponderte…. L’è un pargolin

Asino: Ma l’è el pargulin de Deo. Che salvessa saria una che non è per tuti? El bue dice anco i riccon. El bue dice anco i padron. Va ben… ma anche nu….cacasso! E non solo nu…todo…todo el munno tu dovria salvar. Todo! Anco el filin d’erba che è stato calpesta’ nel prao…. dovria drizza’…. Anche la zolla che è stata spezza’ dal seme dovria rintonsar….anco i raggi del sol che se son predui ne la noce da te sarian risluccicati tutti. Todo! Ogni gozza de sudor saria remessa ne la fronte….ogni dolor devenir dolcesa… ogni ingiustitia deventar Natal…. E tutto el munno….tuto…anco le formichie….ancho le spluci… anco gli svermazzi….anco l’insalata… e i nuvolon…et el vento…. E le stele… et el mar su in alto sopra de nu con gli angolei tutti dovria ballar en tondo….et esser contenti el giorno de la salvesa…. E far l’amor l’un con l’atro a lo spinfère….

Bue: A lo spinfère? Ma che se’ de Beltemme de bascio?

Asino: Che se sente?

Bue: Se sente….se sente….mai sentito a lo spinfère….

Asino: Vol dir senza il fiao….far l’amor financo a nun avè più il fiao, come io qui con tigo ora, filiol de Deo….come mi ora… tu me sente?

E inizia a respirare forte, fortissimo fino a non aver più fiato per il figlio di Dio.

Bue: Basta basta…. Non à più frio…. Guarda pèro come te mira el filiol de Deo…. Forse tu à rezon…. Non gl’importa nua de l’oro….de le ricesse… Non l’ha manco guardà…. A te sì te mira…. E t’ascolte…. Ma che fe’?

L’Asino si avvicina e lecca il bambinello.

Bue: Ma se’ sgrullito? Se’ sgrullito de codenna? A te pensa te dà al cerveo! Te dà! Disgrazia! Sciagura! Pirlasso! Se ce ve’ San Miché con lo spadon c’enfilza pel cul come du’ sguille….Mah…
De che sa?

Asino: Oh come s’è bon…. Come s’è bon!

Bue: De che sa!? Dimme….

Asino: Nun sapria…. Sa de bon…. è dolcioso….ma più de ‘na caroa…. Più d’una scorza de melon… non sapria…. Penso che sa de Deo. Et el sapor de Deo! Asagia… sfavorisci anco tu… su no te svergognar…. Te l’offro volentier….e po’ mica se consua….

Il bue si avvicina timoroso.

Asino: Su su slecassa….

E anche il bue lo lecca.

Bue: Oh com’è squisio il sapor de la dolcessa!

Asino: E pure rie….guarda come rie el filiol de Deo. Glie sollazza esser lecca’….

Bue: Gliene demo un’atra….

Asino: No bata. Bata!

Bue: E ora perché piansi Asinel

Asino: Pianso perché non m’importa d’esse salvà…. Non mi importa se doman finio el Natal io torneria col padron a prenner legnae…. Non mi importa mio putin… tu sei troppo beo…. Perché io pensi a mi…. Grazie d’essete fatto slecca’  da nu…. Recurderia per sempria el tuo sapor….filiol de Deo… mio filiolet…per sempria….ma tu….

E resta in silenzio

Bue: Tu che?

Asino: Tu ne te recorderia ma’ de’ mio….erga scorreggemmo….scorreggemmo bue…. plus forte…ensemble…Femo smover que’ due alon spolverose a l’agnolon su l’uscio….

E si mettono a scorreggiare insieme di gusto mentre il figlio di Dio ride e agita le manine divertito nella mangiatoia.

Bue: Frate…Ma quel pastor là, tuto bardao….il sol che rie de crepa… non te sembra el Ruzzante…

Asino: toh… l’è il Ruzzante e co’ la Gnua…. Allora è ver che el Natal miracolìa anco i disgrazia’.

Bue: Già…I disgrazia, i fratel e le pute.

Categories: Cultura, News

Tagged as: , , , , ,