Comunicazioni

23 novembre 1980

 

Ero appena dodicenne,
quando da una catastrofe sono rimasto indenne.
La terra ha tremato più di un minuto,
distruggendo tutto ciò che ha potuto.

Fiumi di lacrime sono stati versati
nei luoghi colpiti e scombussolati.
La morte, padrona imparziale dell’esistenza,
ha seminato lutti, disperazione e impazienza

Tragedia di indescrivibile grandezza
ha unito l’Italia con fermezza.
Ognuno ha fatto il possibile
per rendere l’Irpinia più vivibile.

Era il 23 novembre dell’ottanta,
una data di cui nessuno si vanta.
Un giorno da ricordare,
memoria di chi non può più dimenticare